1000 ragioni per dirvi “GRAZIE”

Mille ragioni per dirvi grazie!Non vi rubo molto tempo, solo ho voglia di condividere con voi una bella notizia, almeno per una neofita del web come me.

Ho cominciato da poco questa affascinante avventura, tenere un blog, curare un sito, raccontare storie…. richiede tempo e dedizione e non si sa mai se si è sulla strada giusta… a me piace e questo sarebbe già abbastanza, ma se piace anche ad altri e ti da soddisfazioni…. hai fatto Bingo!

Questo sito/blog è nato per far conoscere a tutti il frutto di mille sudori, il mio romanzo d’esordio che si intitola Così passano le nuvole , cliccateci sopra e troverete alcuni indizi sulla storia di Luce e Fabio.

Sembrava si fermasse lì e invece…

E’ soltanto da due mesi che Volpi che camminano sul ghiaccio è in rete, (perché diavolo l’ho chiamato così? Leggete qui) e nell’ultimo mese ci sono state già quasi 1000 visite! Strepitoso, non è vero?

Grazie!

Per me un bel traguardo, che mi spinge a immaginare come proseguire, con contenuti sempre più accattivanti e storie originali, raccontate da una volpe come me….. E udite-udite, abbiamo anche ospiti stranieri!

Perciò mando un saluto anche a loro *Hi guys, hola chicos, bonsoir messieurdames*!

Insomma, è stimolante, gratificante, ma anche una bella responsabilità….. Adesso non potete mollarmi, così, 4-0, dovete continuare a seguirmi, a darmi qualche dritta, a farmi conoscere le vostre opinioni…. Così proseguiremo insieme….. D’altronde, non è proprio questo un blog? Uno spazio virtuale che può diventare un luogo per scambiarsi idee e suggerimenti?

Se siete passati di qui oggi per la prima volta o se ogni tanto tornate a visitare queste pagine, beh considerate che mi state facendo un bellissimo regalo, e non è nemmeno il mio compleanno!

Perciò GRAZIE, anzi, 1000 GRAZIE!

Per il resto, ho da chiedervi solo una cosa: restate con questo blog. Volpi che camminano sul ghiaccio ha ancora tanta, tanta voglia di raccontarvi qualcosa che possa restare aggrappato alle vostre meningi, almeno per il tempo di un caffè. Ma lungo però 😉

E tu che ne pensi? Dimmelo qui: