Il nostro rapporto con il cibo

Eccoci al secondo appuntamento con “Pillole d’Autore” la rubrica del blog dedicata alla conoscenza e scoperta (a volte riscoperta) di brani tratti dalle letture che hanno caratterizzato la mia vita.

Oggi la citazione è tratta da Yoga: La scienza dell’anima, un saggio che avevo acquistato tempo fa, quando ho cominciato ad approfondire la disciplina vedica, prima dal punto di vista esperienziale e poi filosofico-culturale.

Il passo che ho scelto mi pare ci faccia riflettere sul senso del rapporto tra cibo e amore.

Osho ci offre una visione legata al non attaccamento e all’importanza del momento presente, ma in questo passaggio, che trovo illuminante, ci aiuta a comprendere le ragioni dei nostri fallimenti, con particolare riferimento a diete e cibi, argomenti che ho affrontato altre volte.

“Se abbiamo fame d’amore, offriamo il nostro, prima ancora di ottenerlo dagli altri” 

Tutto il resto è un inganno della mente. La felicità è esserne consapevoli.

Curiosità: nel brano avete sentito parlare di abhyasa, che secondo Patanjali significa l’esercizio costante e ininterrotto, al quale egli associa, come elemento indissolubile, vairagya, che significa lasciarsi andare, distaccarsi

Hare om

E in voi, cosa suscitano queste amabili parole di Osho?

Tutte le altre pillole alla rubrica Pillole d’Autore


E tu che ne pensi? Dimmelo qui: