Zero gradi al sole

Benvenuta primavera!

Domenica scorsa ho fatto un tuffo nel passato. Era da tempo che non tornavo nei luoghi della mia infanzia, su quelle montagne delle Valli di Lanzo che tanto mi sono care. É stato come fare rifornimento di energia in un periodo in cui i miei livelli sono piuttosto bassi, attingendo a ciò che avevo lasciato per troppo tempo da parte: la mia storia, chi sono e da dove vengo. Tornando lassù è stato quasi automatico prendermi del tempo per me. Ho sistemato sul balcone un vecchio tavolino di legno e ho cominciato ad appoggiarci sopra il PC, i miei appunti, i miei libri, quelli che mi porto appresso per ogni evenienza e ho scritto, guardando la valle che si apriva Leggi tutto l’articolo

Zero gradi al sole

Porte in faccia, 6 vie per superare un rifiuto

Porte in faccia, rifiuti, dinieghi. Se mi fossi fermata tutte le volte in cui me li sono ritrovati davanti, oggi sarei inchiodata da qualche parte a fare la muffa 🙂 Fanno male, molto male. E il naso, se non vi scansate in tempo, resta gonfietto per un bel po’ e si può rimanere tramortiti, ammutoliti, magonati, fragili. Quando qualcuno rifiuta qualcosa di noi, qualcosa cui teniamo molto, rischiamo di pensare che l’intera nostra esperienza in quel momento sia fallimentare. Ed è normale, ma non sano e nemmeno saggio. Come possiamo reagire al rifiuto? Ho messo in fila tutte le mie piccole strategie anti-fallimento, quelle che in questi anni ho sperimentato e che sarebbe bello fossero arricchite dalle vostre esperienze, in una logica di mutuo Leggi tutto l’articolo

Zero gradi al sole

Analfabetismo di ritorno, l’ingrediente segreto della nostra ‘nuova’ società

Questa riflessione è nata di getto, stravolgendo la programmazione settimanale del blog che per oggi prevedeva una riflessione sulla comunicazione politica televisiva, un argomento che recentemente è tornato ad essere di grande interesse su questo blog. Se ne parlerà la prossima settimana. E’ che le riflessioni di questi giorni sul tema dell’incapacità di scrivere correttamente in italiano da parte degli studenti, universitari, scatenate dalla lettera di 600 docenti universitari, hanno risvegliato un interesse che ogni tanto riaffiora tra le pagine delle Volpi. C’è una domanda in particolare che mi frulla nella testa:  a chi giova l’analfabetismo di ritorno?

Zero gradi al sole

Expo, Nepal e il dovere della comunicazione

Ancora sopravvissuti in Nepal, gli aiuti che non arrivano e in Italia si inaugura Expo

Zero gradi al sole

Ehi bambole, cambiamo le regole del gioco

Vagolando qua e là per l’etere sono piacevolmente incappata nel blog Al di là del buco, interamente dedicato alla fine della guerra fredda tra i sessi. Mi ha colpito in particolare un articolo che riportava uno Spot Audi: liberarsi dei ruoli di genere normativi è rivoluzionario. Ho guardato il video e mi sono detta: Cavolo, sono d’accordo Il messaggio veicolato dal video è semplice (oltre a vendere l’articolo, ovvio) : #CambiamoilGioco. Dal punto di vista della comunicazione, molto efficace. Il video è in realtà uno spot che trasmettono che io sappia in Spagna per promozionare in modo intelligente una nuova vettura di una famosa casa automobilistica. Come sempre occorre imparare dalla pubblicità. Ci sono molte  chiavi di lettura nel video, per questo ho Leggi tutto l’articolo

Zero gradi al sole

Che c’azzecca l’archeologia in Piemonte?

Non ci avevate mai pensato vero? Quando si parla di archeologia in Piemonte viene in mente il (mitico) Museo Egizio di Torino e bom, finita lì. E invece no. In Piemonte c’è un mondo sotterraneo che sta affiorando un pezzo alla volta e che rivela le nostre antiche tradizioni e la nostra storia. Un patrimonio sotto l’egida delle Soprintendenze, che in questo momento sono nell’occhio del ciclone per la “razionalizzazione” che propone il Mibact (Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo). C’è un modo migliore per farcele raccontare se non intervistare una di queste “tramiti” con il nostro passato? Un’archeologa, sì, che conosce bene le lingue antiche come conosce l’italiano. Praticamente una marziana. Si chiama Deborah Rocchietti, ed è riuscita a Leggi tutto l’articolo

Zero gradi al sole

Uno strano scherzo del destino

Da qualche giorno ho un tarlo che mi si è conficcato nel cervello e non se ne va più. Si tratta di qualcosa che mi hanno raccontato. Poche parole, ma ben fissate nella mia immaginazione. E poiché non c’è modo migliore di togliersi dalla testa un pensiero fisso se non quello di dargli concretezza, ho deciso di scriverci sopra una storia e di raccontarvela. Siete pronti? Si chiama “Uno strano scherzo del destino“. E vediamo se produce lo stesso effetto anche a voi. Buona lettura! Uno strano scherzo del destino Geo e Gea sono insieme da quando erano ragazzini. Gea è bella e attraente, nonostante sia ormai in pensione da una decina di anni. Ama molto uscire e stare in mezzo alla gente, d’altra parte Leggi tutto l’articolo