ioeilromanzo

É più importante la sorpresa o l’aspettativa che genera?

Quando ero una leggiadra fanciulla ( 🙄 ) questi erano giorni in cui fremevo di gioia e di emozione: le ultime ore prima delle vacanze di Pasqua, quelle in cui ci preparavamo a passare due giorni lontano dalla famiglia, per sperimentare i prodromi dell’età adulta. Naturalmente, essendo io una golosastra, cosa che sapete già, le attese più grandi erano per le uova di cioccolata, con sorpresa però, che senza, dai, non si possono vedere. Scartarle mi entusiasmava, indipendentemente da ciò che i colorati involucri potessero contenere. Sentire il rumore della carta argentata prodursi tra le mie mani, assaporare il profumo di tanta bontà liscia e delicata, avvicinare con dolcezza le dita alle rotondità dell’uovo e rompere con sadica mossa la schiena ricurva del cioccolato al Leggi tutto l’articolo

ioeilromanzo

Verso l’8 marzo, il tuo, il nostro

Oggi vorrei “ribaltare” le cose tra di noi e costruire una riflessione partendo da piccolissime tracce per poi lasciare la parola a voi. Come se fosse un sondaggio, una ricerca, un momento di ascolto reciproco. Il tema è l’8 marzo, ovvero la Festa Internazionale della Donna. In qualche modo questo tema era stato anticipato qualche articolo fa, specie nei vostri commenti anche se non esplicitamente. E dunque eccoci qui a sviscerarlo meglio  😉 Siamo ancora in cammino? Ho parlato di spunti e manterrò la promessa. Ecco quelli che a me paiono più significativi, ma libere e liberi di aggiungerne altri. Mi scuso per la telegrafia e la sintesi, ma altrimenti diventerebbe il post che non volevo scrivere. Per ovvie ragioni, il Leggi tutto l’articolo

ioeilromanzo

Analfabetismo di ritorno, l’ingrediente segreto della nostra ‘nuova’ società

Questa riflessione è nata di getto, stravolgendo la programmazione settimanale del blog che per oggi prevedeva una riflessione sulla comunicazione politica televisiva, un argomento che recentemente è tornato ad essere di grande interesse su questo blog. Se ne parlerà la prossima settimana. E’ che le riflessioni di questi giorni sul tema dell’incapacità di scrivere correttamente in italiano da parte degli studenti, universitari, scatenate dalla lettera di 600 docenti universitari, hanno risvegliato un interesse che ogni tanto riaffiora tra le pagine delle Volpi. C’è una domanda in particolare che mi frulla nella testa:  a chi giova l’analfabetismo di ritorno?

ioeilromanzo

Il più bel regalo di Natale

Il potere delle piccole cose Un’altro Natale è passato e il mio, vissuto dalla mia postazione ormai preferita (poltrona con poggiapiedi e cuscino a sostegno della gamba destra) è stato tutto sommato un bel Natale. La lontananza dai clamori, dai pranzi e dalle cene luculliane, dai regali prima incartati e poi scartati, da tutto ciò che in genere è tradizione mi ha dato l’occasione di pensare e riflettere e godere di ogni momento felice, che nonostante l’infortunio c’è stato. A volte uno stop può essere utile, per riconoscere le cose importanti che abbiamo intorno, non credete? La prima tra tutte sono le persone a cui vuoi bene. Ed io credevo già di aver ricevuto abbastanza, avendo goduto dell’affetto e dell’amore di Leggi tutto l’articolo

ioeilromanzo

Non c’è cuore – A & F Caprio

Scoperto in modo del tutto singolare (guardate il video per saperne di più) “Non c’è cuore” non è un romanzo, è un grido d’aiuto per la scuola, protagonista al centro dei racconti incrociati di insegnanti di una frontiera che non è poi così lontana. Nelle nostre città, nei nostri quartieri, la scuola di oggi è fatta di multiculturalismo, di un cross over sociale e di appartenenza di classe che emergono nei temi e nelle vite spezzate dei bambini. Veri protagonisti di questo romanzo insolito e duro, i bambini e le bambine di Non c’è cuore sono autenticamente veri. Alle prese con una scuola che dovrebbe provvedere alla loro emancipazione ma che non ci riesce, con insegnanti a volte inadeguate e lasciate Leggi tutto l’articolo

ioeilromanzo

Al via le nozze arcobaleno

Ebbene, ci siamo. Alla fine le Unioni Civili prenderanno il volo, e i Comuni già cominciano a prendere le prenotazioni per le trascrizioni al registro civile del nuovo istituto giuridico. Chi arriverà prima? Qualcuno di voi si è già interessato su come fare e quando? Sono certa di sì. Dopo molto tempo ora c’è il via libera. Ne usufruirete? Oppure resterete imbrigliati nel un conto è dirlo, un conto è farlo 🙂

ioeilromanzo

Unioni civili e convivenze di fatto: le coppie in Italia non sono tutte uguali

Capita che una giornata che dovrebbe essere storica ti lasci l’amaro in bocca. E’ un pò quello che è successo a me ieri, 25 febbraio 2016, data dell’approvazione in Senato del maxiemendamento al DDL Cirinnà presentato dal Governo a proposito di unioni civili. Se ne è parlato così tanto in questi giorni ma ciò nonostante devo ammettere che qualche confusione in testa ce l’avevo. Così, al ritorno dal lavoro, mi sono messa a riflettere un pò più approfonditamente su questa faccenda. Sono arrivata giusto in tempo per guardare le notizie sullo spettacolo cui hanno dato corso alcuni senatori contrari al maxiemendamento, sebbene per motivi diversi. Insulti, volgarità, falsità, sceneggiate. Mi ha colpito lo stato in cui versano le istituzioni in questo Paese. Così non mi Leggi tutto l’articolo