ioeilromanzo

Ehi bambole, cambiamo le regole del gioco

Vagolando qua e là per l’etere sono piacevolmente incappata nel blog Al di là del buco, interamente dedicato alla fine della guerra fredda tra i sessi. Mi ha colpito in particolare un articolo che riportava uno Spot Audi: liberarsi dei ruoli di genere normativi è rivoluzionario. Ho guardato il video e mi sono detta: Cavolo, sono d’accordo Il messaggio veicolato dal video è semplice (oltre a vendere l’articolo, ovvio) : #CambiamoilGioco. Dal punto di vista della comunicazione, molto efficace. Il video è in realtà uno spot che trasmettono che io sappia in Spagna per promozionare in modo intelligente una nuova vettura di una famosa casa automobilistica. Come sempre occorre imparare dalla pubblicità. Ci sono molte  chiavi di lettura nel video, per questo ho Leggi tutto l’articolo

ioeilromanzo

Il più bel regalo di Natale

Il potere delle piccole cose Un’altro Natale è passato e il mio, vissuto dalla mia postazione ormai preferita (poltrona con poggiapiedi e cuscino a sostegno della gamba destra) è stato tutto sommato un bel Natale. La lontananza dai clamori, dai pranzi e dalle cene luculliane, dai regali prima incartati e poi scartati, da tutto ciò che in genere è tradizione mi ha dato l’occasione di pensare e riflettere e godere di ogni momento felice, che nonostante l’infortunio c’è stato. A volte uno stop può essere utile, per riconoscere le cose importanti che abbiamo intorno, non credete? La prima tra tutte sono le persone a cui vuoi bene. Ed io credevo già di aver ricevuto abbastanza, avendo goduto dell’affetto e dell’amore di Leggi tutto l’articolo

ioeilromanzo

Intollerante e felice

Si avvicinano le feste natalizie e che cosa capita nella testa di un intollerante infelice? Ogni sorta di dispiacere e di invidia guardando quel grosso panettone con la glassa che sfoggia la vetrina della pasticceria più agglutinata della città, o lasciandoti rapire dal ricordo felice di quell’ultimo morso che hai dato, ormai non te lo ricordi nemmeno più quando è successo, a quel pandoro burroso ricoperto di zucchero a velo. Ma a me non capita, io sono un’intollerante felice.