Rispecchiarsi

La copertina del libro che mi ha tenuto sveglia la notte * Tecniche di Oratoria è arrivato!

Care Volpi, oggi scrivo sotto l’effetto della gioia, uno stupefacente non facilmente reperibile ma senza effetti collaterali, se non una sana dipendenza. Ma chi non vorrebbe soffrirne? 🙂 La ragione di tale gioia è che sto per presentarvi l’ultimo nato della scuderia delle Volpi, la mia Guida per parlare in pubblico “Tecniche di Oratoria“, edita da Youcanprint. Acquistatelo subito! Ma prima di parlarvi di questo nuovo ed entusiasmante progetto, ho un conto da regolare con alcuni di voi Ricordate il mio recente articolo  L’importanza della copertina. Un sondaggio per sceglierla insieme? Ebbene, allora ero in un vicolo cieco, non sapevo da che parte cominciare per definire la copertina della mia Guida e nonostante le molteplici soluzioni individuate, in realtà nessuna Leggi tutto l’articolo

Rispecchiarsi

Quanto c’è bisogno di parole al femminile!

Quando due donne si alleano per raggiungere un obiettivo, state certi che quell’obiettivo sarà raggiunto É una specie di mantra che potete utilizzare ogni volta che qualcuno rimette in circolo il solito, vecchio, refrain: le donne insieme non vanno da nessuna parte, litigano e basta. O roba del genere. Succede spesso. Quando nasce un sodalizio al femminile, qualcuno prova a sabotarlo. A volte sono gli altri, ma a volte, siamo noi. E così, mentre ascoltiamo questi alert e ci convinciamo che siano veritieri, persino assecondandoli, intorno a noi qualcuno guarda compiaciuto per essere riuscito, ancora una volta, a separare ciò che invece dovremmo tenere inseme, perché insieme potrebbe diventare qualcosa di davvero potente.

Rispecchiarsi

L’importanza della copertina. Un sondaggio per sceglierla insieme

Questa è l’immagine su cui ho lavorato fino all’altro ieri per ideare la copertina della nuova edizione del manuale di coaching individuale Emotional Public Speaking. L’avevo cercata in lungo e in largo e, accidenti! Mi piaceva proprio! Poi, il dubbio. Funziona davvero? Ecco da dov’è nata l’idea del sondaggio che oggi vi propongo. Un’immagine, mi sono detta, deve rappresentare ciò che voglio comunicare. Guardandola con il necessario distacco mi sono accorta che questa foto aveva almeno un paio di punti deboli:  non ritrae me stessa, ma una donna che non conosco  mostra uno strumento di cui nel manuale non parlo assolutamente

Rispecchiarsi

Quando il tuo romanzo torna a pretendere l’attenzione che merita

Ci sono sensazioni che ho provato durante l’ultima presentazione del mio romanzo così intense da decidere di raccontarvele. Per ragioni a me ancora oggi ignote, a un certo punto ho deciso di lasciare andare la mia creatura primogenita,  “Così passano le nuvole“. Come se avessi deciso che doveva camminare con le sue gambe (ammesso che un libro le gambe ce l’abbia). Di preciso non ricordo quando l’ho deciso ma ricordo le emozioni che una tale decisione mi aveva suscitato: voglia da un lato di liberarmene e dall’altro di vedere se se la fosse cavata da solo, il mio romanzo, nel mare magnum di un’editoria sempre più complessa. So che può apparire strampalato sentir parlare del proprio romanzo quasi come di un figlio, Leggi tutto l’articolo

Rispecchiarsi

4 regole d’oro per una comunicazione efficace

Ci sono molte cose che possono rendere una comunicazione pubblica efficace, ma sono solo 4 quelle che dovreste assolutamente conoscere per imparare a comunicare efficacemente usando le vostre emozioni.

Rispecchiarsi

Vade retro talk show. 4 idee per la comunicazione politica – Parte seconda

Buon giorno Volpi e bentornate sul blog a parlare di talk show  e politica. Oggi vedremo 3, anzi 4 idee fresche fresche per uscire dal guado della politica in televisione, sulle quali, come sempre, attendo le vostre opinioni. Nella prima parte di questa riflessione infatti avevamo visto come il talk show politico assomigli alla rotaia di un treno che ci conduce esattamente là dove occorre che andiamo. Più precisamente possiamo dire che l’audience è un buon termometro ‘regolatore’, ma anche il pensiero politico che in quel momento si desidera sostenere, veicolare, appoggiare è in grado di determinare l’agenda dello show della politica. Sappiamo già come rispondere alla domanda Cui prodest, ovvero chi ci guadagna? C’è un Pifferaio magico che se la sta Leggi tutto l’articolo

Rispecchiarsi

Talk show e politica, un connubio da evitare? – Parte prima

“In realtà c’è un crollo della comunicazione fra le case della politica e le case delle persone” –Z.Bauman– Da un po’ di tempo a questa parte sembra proprio che la politica abbia sensibilmente monopolizzato l’attenzione delle persone, grazie anche alla diffusione dei talk show. Programmi di intrattenimento per eccellenza, oggi i talk show sostituiscono quel dialogo a tu per tu che ha fatto la fortuna (e la sfortuna) di molti protagonisti della politica e che oggi, per mille ragioni, sembra abbandonato. Ospiti che ricoprono importanti incarichi politici e istituzionali nel Paese si alternano in programmi contenitore spesso uguali a se stessi e con le medesime formule. Quando si dice Fin che la barca a va, lasciala andare, in tempi sanremesi mi pare Leggi tutto l’articolo