Rispecchiarsi

Blog: qual’è la chiave per comunicare efficacemente?

Qualche giorno fa Rosalia Pucci mi ha invitata a scrivere un Guest Post per il suo blog, Scrivere la vita. Tutti i colori della vita tradotti in parole. Mi ha chiesto di parlare di comunicazione e di blog ed io ho accettato volentieri la sfida, il tema mi appassiona. Così ho lavorato intorno alle caratteristiche a mio avviso fondamentali per poter far un buon lavoro di comunicazione e ne ho individuate 4: intimità responsabilità contenuti cura Ne ho parlato ampiamente nel post di cui sopra,  alla cui lettura vi rimando, lo trovate a questo link. Come spesso accade, le riflessioni sono come le ciliege: una tira l’altra. Così, dopo aver pubblicato l’articolo, ne sono emerse delle altre che ho deciso di Leggi tutto l’articolo

Rispecchiarsi

La copertina del libro che mi ha tenuto sveglia la notte * Tecniche di Oratoria è arrivato!

Care Volpi, oggi scrivo sotto l’effetto della gioia, uno stupefacente non facilmente reperibile ma senza effetti collaterali, se non una sana dipendenza. Ma chi non vorrebbe soffrirne? 🙂 La ragione di tale gioia è che sto per presentarvi l’ultimo nato della scuderia delle Volpi, la mia Guida per parlare in pubblico “Tecniche di Oratoria“, edita da Youcanprint. Acquistatelo subito! Ma prima di parlarvi di questo nuovo ed entusiasmante progetto, ho un conto da regolare con alcuni di voi Ricordate il mio recente articolo  L’importanza della copertina. Un sondaggio per sceglierla insieme? Ebbene, allora ero in un vicolo cieco, non sapevo da che parte cominciare per definire la copertina della mia Guida e nonostante le molteplici soluzioni individuate, in realtà nessuna Leggi tutto l’articolo

Rispecchiarsi

“Così passano le nuvole” , la recensione di Nadia Banaudi

Ci sono giorni in cui le emozioni ti sfiorano appena, prendendosi gioco di te. Si palesano un poco, poi si ritraggono, nascondendosi dietro parole, colori e immagini. Ma nel momento in cui ti si parano innanzi ti accorgi che erano lì già da un po’, ad attenderti in silenzio. Solo che non riuscivi a vederle. É così che è andata martedì scorso. L’occhiata mattutina alle email prima del vortice della giornata non mi aveva fatto notare qualcosa che in realtà mi era molto familiare, una serie di parole che da sole non significano nulla ma che insieme fanno il mio romanzo d’esordio. Così sono stata l’intera giornata in sospeso, ignara del fatto che già dal mattino qualcuno aveva preparato per Leggi tutto l’articolo

Rispecchiarsi

L’importanza della copertina. Un sondaggio per sceglierla insieme

Questa è l’immagine su cui ho lavorato fino all’altro ieri per ideare la copertina della nuova edizione del manuale di coaching individuale Emotional Public Speaking. L’avevo cercata in lungo e in largo e, accidenti! Mi piaceva proprio! Poi, il dubbio. Funziona davvero? Ecco da dov’è nata l’idea del sondaggio che oggi vi propongo. Un’immagine, mi sono detta, deve rappresentare ciò che voglio comunicare. Guardandola con il necessario distacco mi sono accorta che questa foto aveva almeno un paio di punti deboli:  non ritrae me stessa, ma una donna che non conosco  mostra uno strumento di cui nel manuale non parlo assolutamente

Rispecchiarsi

Libri in piola a Borgo Vittoria

Parlare di scrittura e di storie è importante, ma altrettanto importante è scovare luoghi in cui queste storie possano vivere ed essere raccontate, luoghi che devono avere a loro volta una storia vissuta, un presente e auspicabilmente un futuro. Io ne ho trovato uno proprio nel borgo dove sono nata, il quartiere operaio di Borgo Vittoria, nella periferia nord di Torino. Qui le strade, un tempo vuote di automobili e piene di bambini come me che passavano interi pomeriggi in strada a giocare a nascondino e a guardie e ladri, si intrecciano rumorose e distratte, tanto che le piccole cose sfuggono e si perdono ai più, se non le si osserva bene. Eppure esse sono, ogni giorno, anche quando le luci si spengono Leggi tutto l’articolo

Rispecchiarsi

Quando il tuo romanzo torna a pretendere l’attenzione che merita

Ci sono sensazioni che ho provato durante l’ultima presentazione del mio romanzo così intense da decidere di raccontarvele. Per ragioni a me ancora oggi ignote, a un certo punto ho deciso di lasciare andare la mia creatura primogenita,  “Così passano le nuvole“. Come se avessi deciso che doveva camminare con le sue gambe (ammesso che un libro le gambe ce l’abbia). Di preciso non ricordo quando l’ho deciso ma ricordo le emozioni che una tale decisione mi aveva suscitato: voglia da un lato di liberarmene e dall’altro di vedere se se la fosse cavata da solo, il mio romanzo, nel mare magnum di un’editoria sempre più complessa. So che può apparire strampalato sentir parlare del proprio romanzo quasi come di un figlio, Leggi tutto l’articolo

Rispecchiarsi

Quel diario che ha cambiato la vita di Anna Frank (e la nostra)

  Venerdì 9 ottobre 1942 “Cara Kitty, oggi non posso darti che notizie brutte e deprimenti. Stanno arrestando, a gruppi, tutti i nostri amici ebrei. La Gestapo è tutt’altro che riguardosa con questa gente; vengono trasportati in carri bestiame a Westerbork, il grande campo per ebrei nella Drente. Westerbork dev’essere terribile; per centinaia di persone un solo lavatoio e pochissime latrine. Le cuccette sono tutte l’una accosto all’altra. Uomini, donne e bambini dormono insieme. Per conseguenza, a quanto dicono, vi è una grande immoralità; molte donne e ragazze, se la permanenza nel campo si protrae, restano incinte. Fuggire è impossibile, quasi tutti gli ospiti del campo sono riconoscibili dai loro crani rasati e molti anche dal loro aspetto ebraico. Se Leggi tutto l’articolo