• Disconnessa. In un attimo tutto cambia
    Comunicazione e social

    Disconnessa. In un attimo tutto cambia e torna la calma

    Disconnessa. In un attimo tutto cambia. E’ incredibile, ma è proprio così. Facciamo un passo indietro. È noto a tutti voi che io abbia passato una settimana complicata. Se rileggo l’ultimo post sul blog ancora non posso crederci di aver pubblicato una cosa del genere eppure l’ho fatto, si vede che ne avevo bisogno. Oppure che avevo davvero la confusione installata nella testa. Ho pensato di cancellarlo… Ma tra qualche tempo, quando rileggerò questo post, ricorderò quel momento e mi ricorderò una cosa che di tanto in tanto dimentico: che sono perfettamente umana.  Per la cronaca, dopo la caduta ho attivato le risorse cui attingo in questi momenti. Camminate, lettura, meditazione. Nel week end non ho fatto altro. Inoltre ho sperimentato qualcosa che da tempo non conoscevo. Disconnessa. In un attimo tutto cambia Una disconnessione da tutto assolutamente non programmata né programmabile. Colpa di un guasto tecnico. Così ho capito…

  • Videoconferenze, comunicare ai tempi del digitale
    Comunicazione e social

    Videoconferenze, comunicare ai tempi del digitale

      Causa pandemia siamo stati travolti da una necessaria quanto complessa transizione alla comunicazione on line. Dalle videoconferenze stampa del Presidente del Consiglio, che abbiamo imparato ad attendere a lungo e ad ascoltare in diretta Facebook, alle riunioni, assemblee, confronti, sedute, persino udienze che si stanno tenendo e si terranno ancora per un po’ di tempo on line. Dopo aver superato il problema tecnico dell’individuazione della migliore app per supportare questi processi comunicativi di nuova generazione (io alla fine ho scelto GoToMeeting, ma su pc, tablet e smartphone ne ho installate altre quattro 🙄 ) resta il come.   Come comunicare, come farsi ascoltare, come riuscire ad essere compresi. Videoconferenze, comunicare ai tempi del digitale è solo questione di strumenti?  Io dico di no. Trovarsi di fronte a un monitor con tante caselle a mò di scacchiera in ciascuna delle quali dimora un potenziale cliente, allievo, collega, capo, amico, consulente…

  • Trova la tua qualità autentica con il quadrante di Ofman
    Comunicazione e social

    Trova la tua qualità autentica con il quadrante di Ofman

      Avete presente quei comportamenti fastidiosi, che vi fanno accapponare la pelle? Atteggiamenti che osservate negli altri e che non riuscite a sopportare? Non la semplice conseguenza di un disaccordo, ma un prolungato disagio che diventa nella relazione con l’altro quasi un supplizio. A me capita. Quando succede e me ne rendo conto, ci rifletto su e sapete cosa di solito scopro? Che quella condizione di fastidio parla a me stessa. Trova la tua qualità autentica con il quadrante di Ofman e capirai perché ho deciso di approfondire questo tema. In questo articolo descrivo le Core Quality di Daniel Ofman, che ha introdotto al grande pubblico nel testo “Le qualità autentiche. Ispirazione e creatività nelle organizzazioni“.     Trova la tua qualità autentica con il quadrante di Ofman   Quando parliamo di abilità comunicative personali e strumenti per migliorare noi stesse, sappiamo di intraprendere un viaggio che ci porta a…

  • Buon compleanno blog
    Comunicazione e social

    Buon quinto compleanno del blog

      Il blog compie cinque anni di pubblicazioni on line. Siete pront* per il coro?   Buon compleanno blog!   Il 18 aprile del 2015, dopo qualche settimana di ricerche per risolvere problematiche tecniche che non avevo mai dovuto affrontare, finalmente riesco a far uscire il primo articolo del blog. Lo riporto qui di seguito, lasciandolo esattamente come fu scritto e pensato da una blogger che in allora non sapeva con precisione a cosa stesse andando incontro e che quasi non si capacita di essere riuscita a ricavarsi una nicchia seguita e spero apprezzata nella foresta del web.   Il primo vagito del blog: Guardare al futuro   Quanta emozione in quel clic. Non ricordo davvero in quanti lo abbiano letto, ma sono quasi certa che i primi giorni i numeri stessero sulle dita della mano! Ma sono una che non si lascia abbattere tanto facilmente e così eccoci qua:…

  • Andrà tutto bene
    Comunicazione e social

    Andrà tutto bene

      Andrà tutto bene. Lo ripeto spesso in questi giorni e se anche lo scordassi, ci sono le lenzuola arcobaleno disegnate dai bambini e appese ai balconi a ricordarmelo. Per fortuna ce n’è una anche davanti a casa mia. Andrà tutto bene. Ne sono certa, così come sono certa che quando tutto sarà finito avremo imparato più di qualcasa da questa emergenza. L’unico dubbio è essere all’altezza di utilizzare questa consocenza per farne qualciosa di buono, in un futuro che spero non sia troppo lontano. Di sicuro abbiamo imparato neglio qualcosa che sapevamo gia:   che la vita è appesa a un filo sottile che può spezzarsi in qualunque momento Perciò viviamo pienamente. E basta   Anche se è più facile dirlo che farlo, in questo preciso momento. Ho eliminato le visite a mia madre, che se ne sta sigillata in casa da dieci giorni, ed esco solo per andare…

  • Il Coronavirus non ci renda ciechi
    Comunicazione e social

    Il Coronavirus non ci renda ciechi

    Il mondo si divide in ciechi, vedenti e coloro che pur vedendo sono ciechi   Avevo previsto un post per oggi di tutt’altra natura. Uscirà venerdì, con la regolare programmazione del blog. Ma non potevo ignorare il fatto che da oggi siamo tutti in zona di contenimento e, aggiungo io, meno male. I comportamenti individuali responsabili su cui nei giorni precedenti si è tentato di fare affidamento, non ad oggi sono pervenuti. Anzi.   Il Coronavirus non ci renda ciechi   Questo provvedimento era scontato. Abbiamo assistito a ogni forma di violazione delle prescrizioni, delle indicazioni,  mettendo a rischio la salute e sicurezza propria, dei propri cari e delle perosne intorno a noi. Questa crisi ha rivelato ancora una volta i tratti meno pregevoli della natura umana: la nostra ossessione per il proprio interesse, l’idea di  sentirsi sempre e comunque fuori dal cesto, di poter soprassedere alle regole comuni, perché…

  • Le persone serie sono finite
    Comunicazione e social

    Le persone serie sono finite

    Da qualche tempo mi interrogo su una questione che sembra ormai derubricata a noiosa bizzarria di mezza età.               Per chi non lo sapesse, ho passato i cinquant’anni. Li porto a testa alta 😉 Se fossi nella fase ottimistica avrei inserito nel titolo un punto interrogativo, utile a svolgere un ragionamento. Critico, sì, ma volto a lasciare aperta una possibilità, uno squarcio di luce nel buio dei nostri giorni, in cui ormai di serietà, affidabilità e responsabilità non si sente più parlare. Purtroppo. Vale solo per me? Amiche Volpi, le persone serie sono finite. Sparite sotto il peso di un quotidiano sempre più greve, in cui rintracciare un barlume di luce è sempre più difficile. Sparite, dietro le cortine di fumo delle parole al vento, delle frasi ad effetto, degli slogan e delle promesse mai mantenute, perché si sa, di noi tutti conosciamo una cosa molto bene, la nostra disponibilità…

  • Come tenere la rabbia lontano da noi e vivere meglio
    Comunicazione e social

    Come tenere la rabbia lontano da noi e vivere meglio

      L’altro giorno ho assistito a una scena come ce ne sono tante. Una persona su un autobus riceve uno scossone involontario da un altro passeggero, mentre quest’ultimo si avvicina alle porte per scendere. La persona urtata, una signora più o meno della mia età, incurante del luogo in cui si trova, comincia a insultarlo, con voce sempre più forte. Il mal capitato non si volta, e la scena comincia a degenerare e a creare un certo imbarazzo. Potete immaginare: chi sostiene la donna con le solite frasi fatte sull’educazione, chi la ignora, chi si sposta, chi continua a farsi gli affari propri. Un bambino, ascolta. La donna, ormai sempre più irrimediabilmente irritata, comincia a strattonare l’uomo e a prenderlo a male parole. L’uomo non capisce e non reagisce e se ne va verso l’uscita. Solo allora si accorge che qualcuno ha un problema con lui, perché  un altro passeggero,…