• Se non puoi cambiare le cose, accettale
    Il mondo con i miei occhi

    Se non puoi cambiare le cose, accettale

    Ho un carattere impetuoso. Di fronte a una situazione che considero sbagliata o inadeguata non posso fare a meno di intervenire, in qualche modo. E non basta dire “se non puoi cambiare le cose, accettale”, bisogna che questo mantra ci appartenga nel profondo. Per me piuttosto difficile, ma non impossibile. Ho un carattere proattivo, che mi ha dato molte soddisfazioni nella vita. Mi ha tirato fuori da situazioni difficili, relazioni negative, momenti di dolore soffocanti. Di fronte a un’ingiustizia non ho mai pensato un solo istante di doverla accettare così com’era. Ho faticato molto per cambiarla, spesso ho pagato un prezzo, ma non rimpiango nulla. Tuttavia resta una grande fatica. Tanto che a volte occorre gestire lo stress che noi stesse ci creiamo. Io ci ho a che fare da sempre, qui ho scritto come lo gestisco, magari è utile anche a te. Resta una domanda : le cose sarebbero…

  • Certe volte faccio cose stupide
    Il mondo con i miei occhi

    Certe volte faccio cose stupide

    Ci pensavo l’altro giorno in treno. A volte faccio cose stupide, cose che se ci pensassi un po’ sopra, o facessi lavorare la mente razionale, probabilmente non farei. Le cose stupide sono frutto dell’istinto, di attimi di lucidità o di follia se volete che ci allontanano o ci avvicinanno inaspettatamente a qualcuno o qualcosa. E sono vere. Anche se fuori dagli schemi. Ci pensavo, durante un viaggio estenuante, e un pò mi vergognavo di essere naif al punto da fare cose inappropriate, di cui peraltro non mi pento. Come il primo bacio della mia vita da cui sono fuggita per paura e per uno strano odore di muschio che mi allontanava da qualcosa che avevo desiderato tanto. Era una splendida notte di primavera e io avevo desiderato tanto quel momento di intimità con il mio lui di allora. Ma qualcosa non andava. E mi sono tirata indietro. Oppure comprare un…

  • Viaggio in Sicilia
    Il mondo con i miei occhi

    Viaggio in Sicilia

    Capita a volte di tornare da un viaggio soltanto per dovere sociale, e invece lasciare il cuore altrove. Magari sotto un noce capace di abbracciarmi con i suoi rami nervosi e farmi ombra nella campagna siciliana di un luglio troppo caldo per una cinquantenne come me. Dimenticarlo aggrappato a una roccia in cima a una collina che guarda sfrontata il mare e le cui pendici sono accarezzate da falchetti che giocano con il vento, o su una spiaggia di dune deserta e selvaggia che sfida la vastità di un mare che è allo stesso tempo fonte di vita e di sofferenza. Se anche volessi raccontarvelo, il mio viaggio in Sicilia, sarei tormentata dall’idea di non saper descrivere l’immensa e contraddittoria bellezza che questa terra bruciata dai roghi e dal sole sprigiona. Vi offro dunque una testimonianza, parziale, come solo le cose umane sanno essere, di ciò che è stato per…

  • Il mondo con i miei occhi

    Ribelliamoci al Natale con un sorriso!

    Vi ho raccontato cos’è per me il Natale in questo articolo,   e ora che è passato posso dire che ho avuto ciò che mi aspettavo. Un pranzo lungo e movimentato, con la famiglia al gran completo compresi i nuovi ingressi che nel corso dell’anno si sono fatti avanti. Per farla breve, a luglio c’è un matrimonio in vista, non vi nascondo che l’argomento ha occupato gran parte del pomeriggio. Qualche ora dopo l’evento possiamo fare un bilancio, o meglio, una riflessione. Perché le feste o sono vissute con gioia o è meglio evitarle. Almeno così la penso io.   Cosa significano per voi le feste natalizie? Un momento di gioia da condividere con le persone che amate oppure un periodo cupo e triste che ha il solo scopo di farvi sentire più soli o di farvi tornare alla mente epoche andate in cui la famiglia era al completo e…