Non sono più la stessa. E me ne vanto

Ancora un 6 ottobre insieme. Per me è il 49° e sapete che c’è? Nonostante i cambiamenti che ho osservato in questi anni, alcuni graditi, altri meno, mi sento davvero alla grande. Non sono più la stessa persona di un tempo. E me ne vanto. Oggi festeggio i cambiamenti, oggi festeggio me Che bello condividere con voi questa giornata. Mentre mi leggete, molto probabilmente sarò a mollo in qualche vasca idromassaggio o qualche piscina termale, perché il mio 49° compleanno ho deciso di passarlo così, in panciolle assoluto insieme alla persona con cui da tempo condivido la vita. Oggi festeggio me e me soltanto. Mi guardo in costume da bagno, accarezzo i capelli stanchi di tinte e pasticci, passo le dita tra le rughe sulla fronte, che si sentono e si vedono. Parecchio. Ogni tratto di me mi rappresenta, racconta di sorrisi mai negati, di espressioni e sentimenti mai nascosti, di parole taciute e parole dette. Racconta la me che sono oggi. E mi piace. E siccome un compleanno è fatto anche di regali, oltre a quelli graditi che mi sono già stati recapitati (in anticipo, perché noi non resistiamo a nessuna data, anticipiamo di alcuni giorni, impazienti come bambini) me ne sono fatta uno concreto anche io. Una bellissima borsa che porterò con orgoglio e che ricorderà alla Elena che oggi sguazza felice in un luogo d’incanto che si puo’ essere felici in ogni momento con poco. Basta volersi bene e saper stare bene con se stesse. Ognuna di noi lo merita, ognuno di noi è impegnata a conquistarlo. Volete farmi gli auguri di buon compleanno anche voi, care Volpi?