• Disconnessa. In un attimo tutto cambia
    Comunicazione e social

    Disconnessa. In un attimo tutto cambia e torna la calma

    Disconnessa. In un attimo tutto cambia. E’ incredibile, ma è proprio così. Facciamo un passo indietro. È noto a tutti voi che io abbia passato una settimana complicata. Se rileggo l’ultimo post sul blog ancora non posso crederci di aver pubblicato una cosa del genere eppure l’ho fatto, si vede che ne avevo bisogno. Oppure che avevo davvero la confusione installata nella testa. Ho pensato di cancellarlo… Ma tra qualche tempo, quando rileggerò questo post, ricorderò quel momento e mi ricorderò una cosa che di tanto in tanto dimentico: che sono perfettamente umana.  Per la cronaca, dopo la caduta ho attivato le risorse cui attingo in questi momenti. Camminate, lettura, meditazione. Nel week end non ho fatto altro. Inoltre ho sperimentato qualcosa che da tempo non conoscevo. Disconnessa. In un attimo tutto cambia Una disconnessione da tutto assolutamente non programmata né programmabile. Colpa di un guasto tecnico. Così ho capito…

  • Il mondo con i miei occhi

    Oggi va così

      Sta finendo una settimana strana. Avete presente quando vi sembra di non averne azzeccata una?  Nè al lavoro, nè nelle relazioni familiari, nè nelle scelte di fondo. Insomma, nero assoluto, di quelli che non vanno via nemmeno in lavatrice! Oggi va così: non mi sento “in bolla”. Dalle cose più piccole a quelle più grandi. Per esempio, non sapete quanta fatica ho fatto per trovare un libro di avventure che avevo bisogno di leggere. Un bisogno che derivava da un senso di colpa perché il libro è Ventimila leghe sotto i mari, e chiunque deve averlo letto. Da ragazzina non mi interessavano questi racconti fantastici. Ammiravo Salgari, per via della sua attitudine alle descrizioni esotiche senza mai aver mai fatto un viaggio più lungo che quello per percorrere la nostra pianura padana da est a ovest. Ma gli altri, nisba. Leggevo romanzi impegnati, io. Così sentendo nominare casualmente e…

  • Videoconferenze, comunicare ai tempi del digitale
    Comunicazione e social

    Videoconferenze, comunicare ai tempi del digitale

      Causa pandemia siamo stati travolti da una necessaria quanto complessa transizione alla comunicazione on line. Dalle videoconferenze stampa del Presidente del Consiglio, che abbiamo imparato ad attendere a lungo e ad ascoltare in diretta Facebook, alle riunioni, assemblee, confronti, sedute, persino udienze che si stanno tenendo e si terranno ancora per un po’ di tempo on line. Dopo aver superato il problema tecnico dell’individuazione della migliore app per supportare questi processi comunicativi di nuova generazione (io alla fine ho scelto GoToMeeting, ma su pc, tablet e smartphone ne ho installate altre quattro 🙄 ) resta il come.   Come comunicare, come farsi ascoltare, come riuscire ad essere compresi. Videoconferenze, comunicare ai tempi del digitale è solo questione di strumenti?  Io dico di no. Trovarsi di fronte a un monitor con tante caselle a mò di scacchiera in ciascuna delle quali dimora un potenziale cliente, allievo, collega, capo, amico, consulente…

  • Bibisco, l'applicazione per scrittori
    Scrittura

    Andrea Feccomandi presenta Bibisco, l’applicazione per scrittori

      Da qualche tempo ho ripreso a progettare una nuova storia. Questa volta ho evitato di cominciare subito a scrivere e ho provato a tenere tutto dentro, per lasciarla maturare in pace, prima di sminuzzarla, riorganizzarla, metterla nero su bianco. Chissà quanti di noi stanno facendo lo stesso, approfittando del tempo che il lockdown ci impone a casa, specie nei fine settimana. Non ho vinto e sono ripartita, come ho già raccontato qui. Ma con uno strumento per me nuovo, Bibisco. Approfittando di un suo commento a un mio articolo in cui parlavo di Bibisco fresco di scaricamento sul mio computer, questo, ho deciso di chiedere a Andrea Feccomandi, “papà” di Bibisco, cosa c’è di nuovo e come utilizzare al meglio la sua creatura, al servizio della nostra creatività. L’ho avvisato che in questo blog circolano esperti di programmi di scrittura alternativi, chiedendogli di prepararsi bene 😉  Mi ha presa…

  • Tagliare i rami secchi
    Il mondo con i miei occhi

    Tagliare i rami secchi, una volta per tutte

      La scorsa settimana chiacchieravo con un’amica di questo blog che da qualche tempo si è messa in stand by dalla scrittura, dalle conversazioni on line, dai social. Ognuno di noi ha vissuto e vive questo periodo come può e ogni soluzione a mio avviso è quella giusta se ci porta a passare serenamente questi giorni difficili. Non è necessario che gli altri ne comprendano le ragioni, o le condividano. Vale il solito adagio: accettazione. Ne abbiamo parlato a lungo in questo post.   Ma dietro a questo esercizio di equilibrio e maturità, ve ne è un altro che rasenta l’assoluta necessità di questi tempi: tagliare i rami secchi della nostra esistenza. Relazioni consunte, abitudini consolidate ormai  sbiadite, passioni che ci hanno succhiato il sangue, lavori sbagliati, partner sbagliati: ecco i rami secchi di cui bisogna saper fare a meno.   Bisogna agire con coraggio e il prima possibile. Altrimenti…

  • Il quadrante di Ofman applicato alla scrittura. Definire i personaggi della storia
    Scrittura

    Il quadrante di Ofman e la scrittura. Definire i personaggi della storia

      Eccoci come promesso alle prese con quanto abbiamo approfondito in merito alle nostre qualità autentiche utilizzando il quadrante di Ofman. Se ti sei perso l’articolo in questione, prima di proseguire leggilo a questo link. In questo articolo vedremo come utilizzare il quadrante di Ofman applicato alla scrittura. Definire i personaggi della storia e individuare le sfide che dovranno affrontare nel corso del romanzo.   L’idea di utilizzare il quadrante di Ofman, un coach che ha sviluppato grandi capapcità di analisi delle organizzazioni complesse e delle relazioni che intercorrono tra i loro membri, è di Arsenio Siani, che ne parla nel suo Corso di scrittura creativa. La grammatica dell’anima, un libro che consiglio disponibile gratuitamente per chi ha Kindle Unlimited.     Non è la prima volta che prendo spunto da questo testo per un articolo sul blog. Forse ricorderete il mio racconto Sono tornato per restare L’avevo scritto proprio…

  • La vela riparte in sicurezza
    Passione vela

    4 maggio, come la vela riparte in sicurezza per battere il Covid19

      Finalmente il momento è arrivato anche per la vela. 4 maggio, come la vela riparte in sicurezza?  Abbiamo provato a rispondere a questa domanda, perché tanta è la voglia dei nostri atleti di tornare a navigare. La situazione purtroppo non è ancora sotto controllo per dare il via libera, così dobbiamo rimandare a tempi migliori le nostre prime uscite in barca a vela. Muoversi nella complicata selva dei provvedimenti potrebbe risultare difficile, per questo ho pensato di fare il punto dei primi giorni di ripartenza per vedere chi, come e da quando si può praticare il nostro sport e a quali condizioni. Cominciamo con il messaggio che il Presidente di Federvela, Francesco Ettorre, ha lanciato martedì 5 maggio con una videoconferenza in streaming aperta a tutti. Se ve la siete persa, potete rivederla qui:   4 maggio, la vela riparte in sicurezza   Ettorre, nella preziosa intervista rilasciata di…

  • Il mondo fuori, come in un film di Bunuel
    Il mondo con i miei occhi

    Il mondo fuori, come in un film di Bunuel

      Dopo quasi due mesi di quarantena forzata, da ieri è cominciato il “disgelo”. Non si tratta di un ritorno alla normalità, ma riappropriarsi di alcuni spazi di libertà sospesi, anche se in venti modi diversi. Tante infatti sono le ordinanze delle regioni. Tocca studiarsi quella giusta e incrociare le dita 🤞 Quanto a me, la prima cosa che ho fatto è stata andare a trovare mia madre e fare una lunga passeggiata con lei. Temevo che la solitudine l’avesse scossa, ma come al solito, mi sbagliavo: è più forte di me, tocca dirlo.   In questo tempo passato a casa sento di aver perso molte delle mie certezze, e credo di non essere la sola. Per qualcuno di noi il lockdown ha significato la rottura di una relazione, la perdita del lavoro o della propria condizione di salute e, forse anche, della vita. Ognuno misura le sue perdite e…