Roc Nére II fa il tagliando (e la jackline)

Alcune cose da fare prima di partire in barca a vela

Prima di partire, si sa, è sempre meglio prepararsi bene, specie quando si è scelto un viaggio-avventura come il nostro.

Per chi si è perso il “dove” “come” e “perché” vi invito a leggere il primo post della saga Roc Nére II va in Croazia. Perciò ora sapete che la barca, rimasta in secca alla Lega Navale Italiana di (che Dio la conservi) per tutto l’anno, ha avuto bisogno di un po’ di manutenzione.

Dal lavaggio dello scafo, al controllo delle manovre, delle cime, delle vele.

Perché predisporre una Jack Line

Il Fun è una splendida barca ma avendo sperimentato vento e mare grosso l’anno scorso (vi ricordate che tempaccio?) Carlos ha attuato un’interessante modifica.

Ha introdotto una Jack Line passando una cima robusta e piatta sulla coperta,  da prua a poppa su entrambi i lati, in modo da poterci agganciare una cinghia con moschettone al nostro giubbotto di salvataggio.

Se dovessimo fare manovre a prua o altrove con maltempo, dovrebbe esserci utile, ma vi diremo. Intanto ho trovato una foto esplicativa, tanto per rendere l’idea.

Siti e altri riferimenti utili per la navigazione

Sempre verificare le normative di sicurezza in mare….  Noi prevediamo di stare dentro le 6 miglia, abbiamo consultato il sito della Capitaneria di Porto per eventuali aggiornamenti, abbiamo messo a bordo il necessario (razzi, estintore, salvagente, ecc.) portato un GPS, le mitiche carte nautiche Navionics (mai più senza) bussola di rilevamento e persino le tasche per le scotte, una novità per noi ma praticamente presenti su tutti i Fun.

Non dimenticate di controllare il carrello!

Pronti dunque? Eh no…. Bisogna fare le verifiche sul carrello, luci, freni, e….  Sorpresa.

La lancia del carrello è bloccata, non esce e rimane frenato 🙁 accidenti…. Imprevisto numero uno: due ore e mezzo di lavoro per smontare l’attacco al gancio traino e ridare fiato alla lancia….  Ma non ci lasciamo intimorire.

Il vento si è alzato e la temperatura un pò più tollerabile. È un invito a partire. Perciò arrivederci lago di Viverone.

Se tutto andrà bene stanotte faremo rotta su Monfalcone, Marina Hannibal. Ma questa è un’altra storia…

La tua opinione scrivila qui :)

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.