• Senza categoria

    25 nodi sul Memorial Filesi

    A Viverone le cose vanno così, con il meteo è una continua rincorsa. Alle 9 del mattino di domenica scorsa il lago di Viverone, situato in una conca tra le colline e la serra di Ivrea, era una sorta di lago fantasma. Nebbia fittissima, temperatura mite e assenza totale di vento. Ciò nonostante, le 33 barche iscritte alla regata Memorial Filesi, promossa dai tre circoli del lago, si avvicinavano senza tema nella nebbia navigando a naso, che riconoscere le sponde era praticamente impossibile. Dai pontili guardavamo i navigatori fantasma appropinquarsi verso l’ipotetica area di regata in cui noi, Comitato di regata, non ci eravamo ancora appropinquati, mentre l’organizzazione tirava fuori le bacchette da ventomante per chiamare il vento. Qualcuno a bordo ha persino fischiettato, che la tradizione insegna che è il metodo migliore per chiamare tempesta. Il Comitato di Regata esce in acqua e subito bisticcia con il vento. Mai sopra…

  • Comunicazione e social

    49er: due giorni di regate per la nazionale di Dongo

    Il tempo questa volta ci ha graziato. Le sfuriate e i piovaschi del venerdì sera si sono letteralmente dileguati lasciando un meteo incerto per il sabato 20 maggio, e un sole e vento disteso per la domenica 21 maggio. Sono i giorni in cui si è disputata la Regata Nazionale 49er di Dongo, nella parte nord del Lago di Como. Non ho fatto molte regate nazionali, come sapete sono in attesa di poter tentare l’esame da Ufficiale di Regata Nazionale e dunque ogni occasione è per me buona per rinforzare le mie conoscenze. E per fare pratica  😛 Non so ma ho avuto l’impressione di essere sotto “osservazione”. Che dite, sarà stato così? Il Comitato di Regata della Nazionale 49er E’ sempre interessante vedere chi ti assegna la sorte come compagno di viaggio. Bisogna accettare di buon grado la possibilità di lavorare con tutti, perché ciascuno può insegnarti qualcosa di prezioso, la sua…

  • Passione vela

    Alla Crociera del Verbano si ripassa la Regola 28

    Bentornati marinai! Certe volte i lunghi tragitti che separano Torino dalle regate sono ripagati da bellissime località e da esperienze positive. La Crociera del Verbano di Caldè è una di quelle, e sabato scorso ci sono tornata proprio volentieri. Rispetto a due anni fa non è cambiato molto. Il percorso un po’ più breve, la partenza a metà giornata, il resto lo stesso. Stessa zona in cui collocare la partenza, stessa Papera per il Comitato, stesse barche. Una ventina di cabinati che si sono goduti una “lunga” con una giornata di sole e vento tutto sommato costante. La prima vera esperienza da Presidente di Comitato! Che emusiun marinai! Devo ammettere che dirigere una regata è un fatto piuttosto complicato, richiede controllo, attenzione continua a ogni cosa: al comitato, al campo, ai regatanti, al meteo, all’assistenza. Insomma, un lavorone. Prometto che appena ne avrò fatte abbastanza da capirci davvero qualcosa scriverò a riguardo, anche…

  • Comunicazione e social

    50 anni di Fireball, secondo atto. Le regate e il resto

    Vedete questi volti sorridenti nella foto? Belli vero? Sono gli equipaggi dei 29 Fireball che sabato 29 aprile e domenica 30 aprile hanno partecipato alla regata di interesse nazionale organizzata dalla classe per i 50 anni del Fireball. Di questi tempi è sempre più complicato organizzare regate monotipo, di derive o cabinati, con numeri come questi. La partecipazione a questa regata va rimarcata anche per questo. Un discorso che vale in generale ma anche in particolare per il Lago di Viverone, che dagli anni ’90 non vede così tante barche sfidarsi con i nostri venti ballerini ma tuttavia sufficienti per regatare e disputare manifestazioni importanti come questa. Insomma, non ci manca niente.

  • Senza categoria

    50 anni di Fireball

    Ci sono barche che assomigliano a certe signore cui non saresti mai capace di attribuire un’età precisa, perché sembrano sempre giovanili, anche se non è così. Quando guardo ai Fireball è questa la sensazione che provo, perché è una deriva che non porta addosso i segni degli anni che passano, che quest’anno sono diventati 50. A guardarla in acqua non sembrerebbe. E si sa, una signora i suoi 50 anni li festeggia alla grande e nello specifico la Classe Fireball ha deciso di farlo tornando là dove la deriva ha conosciuto la sua stagione più lunga e fortunata, sul Lago di Viverone. Tre Circoli si sono uniti per promuovere una regata Nazionale il 29 e 30 aprile con l’ausilio della classe e dei suoi giovani e non più atleti. Il Fireball, una signora sinuosa e gagliarda Peter Milne ha presentato il progetto del primo Fireball nel 1963. Questa deriva, largamente…

  • Senza categoria

    In regata il must è comunicare

    Ci sono molti aspetti da tenere in considerazione quando si organizza una regata: dal bando al “richiamo” dei potenziali regatanti, dalle Istruzioni di Regata alla costituzione del Comitato di Regata (CdR) del Comitato delle Proteste (CdP), dall’assistenza, alla logistica, i premi. Persino delle indicazioni stradali e della viabilità bisogna occuparsi. Per ciascuno di questi compiti ci sono specialisti, più o meno “ufficializzati”, che dal momento in cui il bando di regata è pubblicato si intersecano per promuovere l’evento vela al meglio che possono. E’ probabile che abbia dimenticato qualcosa, tanto è complessa l’organizzazione della regata. Ma oggi voglio concentrarmi su ciò che può facilitare e fluidificare le informazioni che servono ai vari snodi dell’organizzazione e gestione della regata per farla funzionare al meglio: una buona comunicazione. Comunicare, il must in una regata di cui spesso non ci si rende conto Il compito imprescindibile che ciascuno dei precedenti soggetti ha prima, dopo e durante…

  • Senza categoria

    La visita medica sportiva, valore aggiunto per la vela

    Quando arriva la fine dell’anno mi occupo di sbrigare le incombenze legate alla mia passione, la vela. Fortunatamente ho una specie di tabella di marcia già consolidata. La prima cosa è contattare il Presidente della Lega Navale di Torino, per rinnovare l’iscrizione annuale alla Lega e alla FIV. Entro il mese di gennaio di ogni anno infatti gli UdR devono avere la tessera federale rinnovata. Poi mi preoccupo di fare la visita medica sportiva.11 A quanto pare, da quel che ho capito occupandomi più da vicino di FIV, specie adesso che ho assunto un impegno di grande responsabilità come vi ho raccontato in questo articolo, l’appuntamento con la visita medica annuale è vissuto da molti come una vera e propria incombenza. Per me non è affatto così, anzi, al contrario è un momento che attendo perché è un appuntamento con la mia salute. E non lo buco mai.

  • Passione vela

    Interlaghi 2016 day 2

    E finalmente è vento. Il segnale alle 8.30 del mattino significa essere pronti un’ora prima per espletare tutte le formalità per la regata , un’alzataccia che da queste parti in genere ripaga. Il vento infatti è arrivato con 11 nodi alla partenza per poi , lungo le 2 prove della mattinata, calare gradualmente. Qualche OCS per gli ORC, ovvero penalità alla partenza Regola 30.1 – bandiera India – con rientro dagli estremi . Dubbi sul Regolamento di Regata ? Date un’occhiata alla rubrica a  questo link . Seconda prova ridotta per la classe Orza6, un Meteor modificato con a bordo istruttori e allievi del Circolo Orza Minore di Dervio. Un’ottima occasione per fare aggiornamento di regata, divertendosi e imparando. Bella idea, da copiare . Seconda prova ridotta per loro a causa di un calo del vento. Si issa la S sul gommone e si prendono gli arrivi alla boa di poppa. Tutti…