• Dentro il mondo degli Ufficiali di Regata
    Passione vela

    Nel mondo degli Ufficiali di Regata

      Tutto quello che dovete sapere a proposito del ruolo di Ufficiale di Regata FIV! Nel mondo degli Ufficiali di Regata Comincio dal tema Ufficiale di Regata perché che mi terrà impegnata con lo studio almeno fino a fine mese, quando dovrò sostenere a Viareggio, nell’ambito dei Campionati Giovanili Singoli, l’esame per il passaggio a Ufficiale di Regata Nazionale specialità CdR. Gli strumenti dell’Ufficiale di Regata Senza ombra di dubbio l’articolo più letto e utilizzato di questo blog all’interno della mia rubrica “Passione vela” è stato 13 must have per la borsa dell’Ufficiale di Regata Un elenco di strumenti utili a bordo per affrontare le mille sfide del nostro ruolo che è considerato di peso, al punto che la Federazione Italiana Vela emana ogni anno la specifica normativa per regolare i compiti dell’Ufficiale di Regata che trovate a questo link. Il percorso per diventare un Ufficiale di Regata La mia…

  • Passione vela

    Facciamo il punto nave

    Oggi la maggior parte di noi naviga utilizzando gli strumenti tecnologicamente più avanzati. A bordo abbiamo sempre con noi GPS cartografici, computer di bordo, applicazioni che indicano la rotta da seguire. Comodissimo! Ma cosa faremmo se non fossero per qualche ragione disponibili? Le dotazioni di bordo iper tecnologiche ci fanno dimenticare le cose più semplici, che non sono solo un romantico ricordo dei tempi in cui si navigava con le carte nautiche e il sestante, ma quelle che nelle condizioni più difficili a mio giudizio sanno tirarti fuori dai guai. Va in acqua lo smartphone o il tablet? Il GPS si scarica? Insomma, dobbiamo saper fare il punto nave con le carte nautiche e una bussola da rilevamento. Vediamo come. Come si fa il punto nave Innanzitutto dobbiamo avere a bordo le carte nautiche della zona in cui stiamo navigando. Attenzione, questo non è un optional, ma un obbligo per tutti…

  • Passione vela

    Noi, orfani della Festa di Primavera in Croazia

    La notizia ha cominciato a trapelare nell’autunno scorso, mesta mesta si è insinuata nelle nostre giornate terricole. Come il venticello che prelude alla tempesta, avete presente? Uguale. Sul famigerato social network più invasivo del mondo, Facebook, i velisti d’Aprile, quelli abituati già da prima di Natale a sognare la Croazia, il mare, le isole, le lunghe navigate e le serate in compagnia a sparar velate, hanno cominciato a prendere coscienza di una ferale notizia. La Festa di Primavera non si farà. Improvvisamente sono cadute a terra le attrezzature che già stavamo predisponendo all’uopo e abbiamo fatto tutti, su questo sono pronta a scommettere, la stessa faccia, quella dei bimbi a cui è stato tolto il gioco più bello da sotto il naso! In un amen ci siamo trovati orfani della Festa di Primavera organizzata dalla Eritros.

  • Senza categoria

    L’ormeggio conta (se non volete finire come Valentino e Valentina)

    Recentemente sul Piemonte e Liguria si è abbattuto un nubifragio, tipico di fine novembre ma durato alcuni giorni, che ha prodotto danni a cose e a persone, per fortuna non gravissimi. Era stato ampiamente previsto, ma come al solito le conseguenze ci sono state. Guardando Valentino e Valentina addormentati contro uno dei ponti principali che a Torino scavallano il Po, ho scattato questa foto e mi è venuto in mente che sì, forse si poteva evitare. L’ambiente in cui viviamo reagisce ai nostri stimoli, e proprio sulla prevenzione bisogna lavorare, sia quando si parla di territorio che di barche e.. di ormeggi, anche sui nostri laghi, dove ogni volta che spira un vento più forte del solito qualche danno si genera, ne sa qualcosa il mio Fun.

  • Passione vela

    Il mestiere del posaboe

    L’ultima regata cui ho partecipato mi sono messa in testa di aggiornare le mie conoscenze in tema di posa delle boe del campo di regata. La mia attività da questo punto di vista non è mai stata particolarmente intensa e a dir la verità nemmeno troppo brillante, per questo ho deciso di approfittare della disponibilità del Circolo AVAL di Gravedona e dei suoi tecnici dell’assistenza, per farmi un giro preventivo in acqua e provare a mettere giù il campo di regata, fisicamente. Un UdR in genere, quando è nel pieno esercizio delle sue funzioni, svolge quest’attività dalla Pilotina, dando indicazioni via radio e controllando la direzione del vento. E’ stata un’esperienza molto istruttiva, che mi ha dato la possibilità di vedere le cose da un altro punto di vista. Mettere giù una boa sul Lago di Como Il nostro caro Lario è più o meno dappertutto caratterizzato da profondità a dir poco abissali…

  • Senza categoria

    Come si decide un viaggio in barca a vela

    Buongiorno marinai, sono andata a scovare gli articoli che l’anno scorso, più o meno in questo periodo, scrivevo felice e piuttosto entusiasta perché in partenza per la Croazia con il nostro meraviglioso Fun Roc Nére II. Rileggendo quegli articoli, che potete trovare ad esempio a questo link, mi è venuto un misto di tristezza e di felicità. Tristezza perché quest’estate non la passeremo a gustare i sapori e i profumi dell’Istria e della Croazia tutta, ahimè, capita. Felicità perché ogni volta che rileggo quei post mi tornano in mente le splendide sensazioni che abbiamo provato come se le rivivessi in quel preciso momento, solcando i mari con un Fun, che sarà anche una bella barca da regata ma di certo non è nè comoda nè accogliente. Diciamo che è un tipo, il tipo che a noi piace.

  • Passione vela

    Come si impara la vela d’altura

    Vi siete mai chiesti che cosa contraddistingua la vela d’altura dal resto? Io molte volte. Troppo spesso siamo talmente abituati a chiamare le cose in un certo modo che ne smarriamo il significato. Così, quando la Lega Navale di Torino ha lanciato il suo primo Corso d’Altura mi è venuta voglia di rinfrescarmi la memoria. Quali sono le caratteristiche della navigazione d’altura? E’ un tipo di navigazione lontano dalla costa, che si svolge prettamente in mare aperto Non si utilizzano i punti cospicui a terra come riferimento per la navigazione, sono quindi richieste ottime conoscenze di carteggio Navigando lontano dalla costa, bisogna conoscere e avere a bordo tutte le dotazioni di sicurezza previste per la navigazione d’altura Prima di mettersi in viaggio, occorre conoscere le norme NIPAM  Dovreste avere una buona conoscenza delle manovre, in particolare uscita/rientro in porto, recupero uomo a mare, navigazione d’altura Conoscere la meteorologia (non vi fiderete mica solo dei siti, occorre osservare, come abbiamo già…