• Distribuzione e ristampa, il dilemma dello scrittore
    Scrittura creativa

    Distribuzione e ristampa, il dilemma dello scrittore

      Eccoci alla terza puntata di una serie di articoli spero utili agli scrittori esordienti per navigare nelle acque difficili dell’editoria.   Questi sono i primi due articoli, se per caso ve li siete persi:   7 buone ragioni per dire no a un editore Il rapporto tra editore e autore. Qualità e rischio d’impresa    Distribuzione e ristampa, il dilemma dello scrittore   Con il post “Distribuzione e ristampa, il dilemma dello scrittore”, affronto il tema dei rapporti, difficili, tra editore e autore.   Buona lettura!   Come controllare le copie stampate e vendute   Quando un autore decide di pubblicare, una delle prime domande…

  • Comunicare, secondo me

    Della formazione e de i Ching

    Care Volpi, recentemente ho fruito di tre giorni di formazione in ambito professionale su un tema sfidante per la mia organizzazione. Un tema che non avevamo mai affrontato e che in futuro sarà centrale. Non entro nel merito dei contenuti, vorrei piuttosto fare con voi una riflessione su un aspetto che quel breve corso residenziale di tre giorni ha prepotentemente posto alla mia attenzione. Quel corso è stata l’occasione per riflettere sulle mie competenze e fare un bilancio di ciò che conosco e di ciò su cui devo ancora investire. Sembra banale, ma era davvero tanto tempo che non riflettevo sistematicamente su questo aspetto. Quando si…

  • Comunicare, secondo me

    E voi, come mi immaginate?

    Se vi siete persi Vi immagino così, allora vi suggerisco di dare un’occhiata, perché questo post ne è in qualche modo la prosecuzione. Dopo avervi chiesto il permesso di tratteggiare il vostro “quadro bloggale“, ecco la prossima sfida. E voi, come mi immaginate? Il meccanismo è lo stesso, ma stavolta sono io ad autorizzarvi a mettere nero su bianco l’idea che vi siete fatti di me attraverso queste pagine. L’idea è di Maria Teresa Steri che l’ha lanciata in questo commento. Ha in qualche modo anticipato il senso del gioco, singolare sintonia che fa pensare. Lei non si è trattenuta e ha detto con chiarezza come…

  • Che bella Storia, il Salone del Libro di Torino!
    Scrittura creativa

    #SalTo2018, sopravvissuta!

    Il mio Salone del Libro 2018, tra lavoro e piacere È stato senza dubbio un grande successo. Il Salone del Libro di Torino 2018 è l’esempio della caparbietà e della resilienza di Torino, la mia bella città. Partecipazione cresciuta rispetto al 2017, sabato da record, con le biglietterie che hanno chiuso per un’ora causa eccessiva affluenza e la metropolitana che è stata fermata per overbooking. Quest’anno torno al Salone dopo l’ultima volta, il maggio 2016, in cui ci avevo messo piede come autrice per promuovere “Così passano le nuvole“. Perchè non abbia raccontato quell’esperienza sul blog è un mistero, o forse no 😕 Ma avevo avanzato…

  • Comunicare, secondo me

    Vi immagino così

    Sono alle prese con il Salone del Libro, di cui ho intenzione di raccontarvi presto. Per la maggior parte del tempo dovrò esserci per lavoro e non per puro piacere, ma un momento per scorrazzare tra i libri, acquistare Come una piuma, l’ultimo romanzo di Rosalia Pucci e fare nuovi incontri, lo trovo di sicuro! C’è una grande novità che non vedo l’ora di gustare. Conoscerò due amiche del blog come Barbara e Sandra, che finalmente incontrerò dal vivo dopo tante chiacchiere via web. Che emusiun! Questa occasione mi ha dato la stura per proporvi un gioco qui sul blog. Ogni tanto ci vuole un pò di…

  • Scrittura creativa

    Guarire con la scrittura. La WritingTherapy di Rosalia Pucci

    Qualche tempo fa lessi l’articolo di Rosalia Pucci Il potere terapeutico della scrittura, in cui l’autrice raccontava la sua esperienza con la scrittura durante la malattia. Quel post mi fece prendere coscienza del ruolo della scrittura nel percorso di guarigione,  da malattie fisiche ma anche da stati di prostrazione mentali in cui spesso cadiamo. Mi sono resa conto che avevo scritto Così passano le nuvole per esorcizzare la morte di mio padre e accidenti, aveva funzionato. Ne ho anche parlato nell’articolo Quando il tuo romanzo torna a pretendere l’attenzione che merita. Le parole di Rosalia mi avevano colpita: le sentivo vere e mi è venuta voglia…

  • Comunicare, secondo me

    Nel 2018 voglio essere una blogger migliore

    Care Volpi, ben ritrovate! Come avete passato questi giorni di festività? Avete realizzato i vostri desideri, recuperato un po’ di tempo per voi, fatto le cose che desideravate? Mi auguro proprio di sì perché per me è stato esattamente così. Ho scritto molto, terminando la seconda stesura di Così passano le nuvole, di cui vi parlerò in uno dei post a seguire perché ci sono novità, e ho completato l’analisi della progettazione di Càscara, il romanzo “in cottura” che ha già un inizio e una fine ma che ha bisogno di essere messo in forma, come un vestito appena imbastito. Devo dire che sono molto soddisfatta…

  • Il mondo con i miei occhi

    Il Natale che non c’è più

    E così, ci siamo, la prossima settimana comincia il conto alla rovescia per il Natale. Come lo passerete? Noi abbiamo appena confermato il pranzo del 25 dicembre con la famiglia allargata, un’allegra comitiva di una ventina di mangiatori a quattro ganasce, bambini compresi. Niente spese compulsive, la maggior parte dei regali fatti su Amazon, facendo particolare attenzione alle cose che ci siamo detti pochi giorni fa. E poi in casa tracce del Natale che fu, le luci intorno alle finestre, l’alberello di cartone colorato, gli gnomi appesi proprio sopra il tavolo. Un Natale che in fondo non c’è più, il mio Natale di bambina. Tutti i…