• Sono tornato per restare
    Storie libri e racconti

    Sono tornato per restare

    Dopo un periodo di riposo dalla scrittura creativa, torno con un racconto nato da un esercizio di scrittura cui mi sono dedicata durante la vacanza di inizio anno. Ma ve ne parlo meglio dopo. Ora tuffatevi in questa porzione di storia della vita di Marco. Buona lettura! Sono tornato per restare La tivù passa un vecchio film anni sessanta. Luce spenta, volute di fumo grigio come pensieri sospesi, nell’aria odore di pop corn ancora caldi e sapore di birra. La poltrona di suo padre ha le spalle rivolte verso la finestra. I capelli arruffati spuntano dallo schienale in cui si nasconde, ogni sera, e da cui…

  • Come tenere la rabbia lontano da noi e vivere meglio
    Comunicare, secondo me

    Come tenere la rabbia lontano da noi e vivere meglio

      L’altro giorno ho assistito a una scena come ce ne sono tante. Una persona su un autobus riceve uno scossone involontario da un altro passeggero, mentre quest’ultimo si avvicina alle porte per scendere. La persona urtata, una signora più o meno della mia età, incurante del luogo in cui si trova, comincia a insultarlo, con voce sempre più forte. Il mal capitato non si volta, e la scena comincia a degenerare e a creare un certo imbarazzo. Potete immaginare: chi sostiene la donna con le solite frasi fatte sull’educazione, chi la ignora, chi si sposta, chi continua a farsi gli affari propri. Un bambino, ascolta.…

  • Il mondo con i miei occhi

    Fine d’anno. Forse fine di un ciclo

    Rompo il silenzio perché ho piacere nell’ultimo giorno dell’anno di condividere con voi alcuni pensieri. Fine d’anno. Forse fine di un ciclo. Qualunque cosa sia, picchia duro. Di solito questo periodo genera in me una sorta di placido black out. Tutto ciò che occupa insistentemente le mie giornate, che chiamo in modo familiare il solito tran tran, svanisce lento per lasciare il posto a un’altra serie di attività legate alle feste, come cucinare per gli amici, andare a trovare famigliari, pulire casa, o, per la maggior parte del tempo, semplicemente riposare. Insomma, mi riapproprio della vita e dei ritmi ad essa più consoni, quelli che durante l’anno…

  • A Natale penso a me
    Il mondo con i miei occhi

    A Natale penso a me

    Quest’anno mi sono sorpresa a pensare al Natale con largo anticipo. Gli anni scorsi mi lasciavo trasportare fino a una decina di giorni prima del 25 dicembre da una sorta di allegra euforia ma in totale assenza di programmazione. Non solo dunque la follia dei regali dell’ultimo minuto, che è un miracolo se li azzecchi, ma anche la totale mancanza di idee per recuperare tempo e svago per me soltanto. Così quei giorni, che di solito negli ultimi anni passano gioiosi, venivano fagocitati dal quotidiano del prima e del dopo. Invece questo 2019, sarà perché sono più stanca del solito, tra il nuovo lavoro e la…

  • Scrittura creativa

    Il potere della scrittura e l’arcano della Forza

      Tirato dal mazzo pensando al principio di questo viaggio, si è presentato a me l’arcano della Forza. Come ha commentato qualcuna di voi (@Sandra, qui) la scelta del tutto affidata al Caso è stata più che opportuna. Quale migliore viatico per una scrittura vincente se non quello di saperne individuare la forza?     Il potere della scrittura e l’arcano della Forza   La Forza nei Tarocchi è l’energia suprema cui nessuna brutalità può resistere. È l’immagine di una regina bionda e piuttosto graziosa che doma un leone infuriato senza alcuna fatica, tenendone ben aperte le mascelle.   I colori della carta sono sgargianti: rosso il mantello,…

  • Scrittura creativa

    Viaggio nella scrittura attraverso i Tarocchi

    Nel recente articolo dedicato alla fretta cattiva consigliera nella scrittura vi avevo anticipato l’idea venutami in mente al riaffiorare di un’antica passione, quella per i Tarocchi e in particolare, gli Arcani maggiori. Gli Arcani maggiori o Trionfi sono 21 carte del mazzo dei Tarocchi, dal Bagatto al Mondo, più il Matto, che non ha numero e che di solito è identificato con lo zero. Dopo aver imparato a giocare a carte, nel tempo ho approfondito il significato simbolico dei colori, delle forme, delle icone che essi rappresentano. Mi piaceva stimolare le loro risposte e così ho cominciato a domandare. Prima per me, poi per le mie…

  • Se non puoi cambiare le cose, accettale
    Il mondo con i miei occhi

    Se non puoi cambiare le cose, accettale

    Ho un carattere impetuoso, impulsivo. Di fronte a una situazione che considero sbagliata o inadeguata non posso fare a meno di intervenire, in qualche modo. E non basta dire “se non puoi cambiare le cose, accettale”, sento il bisogno che questo mantra mi appartenga, nel profondo. Per me piuttosto difficile, ma non impossibile. Il mio carattere proattivo, che mi ha dato molte soddisfazioni nella vita. Mi ha tirato fuori da situazioni difficili, relazioni negative, momenti di dolore soffocanti. Di fronte a un’ingiustizia non ho mai pensato un solo istante di doverla accettare così com’era. Ho faticato molto per cambiarla, spesso ho pagato un prezzo, ma non rimpiango nulla.…

  • Decalogo della scrittrice garbata
    Scrittura creativa

    Decalogo della scrittrice garbata

    Una persona fondamentalmente sicura non si angustierà se dettagli o questioni minori si riveleranno contro le aspettative. Ma, alla fine, i particolari sono importanti. Il modo giusto e quello sbagliato di agire si trovano nelle piccole cose” Yamamoto Tsunetomo – Hagakure   Per scrivere un decalogo della scrittrice garbata ho deciso di cominciare dalla citazione che avete ricevuto la scorsa settimana nella newsletter del blog (non siete ancora iscritti alla newsletter? Rimediate subito!). Tratta da un testo cui sono molto affezionata, l’Hagakure, uno dei libri fondamentali per conoscere la cultura antica dei Samurai, è un’autentica pillola di saggezza. Parla dell’importanza dei dettagli, quelle piccole cose cui spesso…