• Videoconferenze, comunicare ai tempi del digitale
    Comunicazione e social

    Videoconferenze, comunicare ai tempi del digitale

      Causa pandemia siamo stati travolti da una necessaria quanto complessa transizione alla comunicazione on line. Dalle videoconferenze stampa del Presidente del Consiglio, che abbiamo imparato ad attendere a lungo e ad ascoltare in diretta Facebook, alle riunioni, assemblee, confronti, sedute, persino udienze che si stanno tenendo e si terranno ancora per un po’ di tempo on line. Dopo aver superato il problema tecnico dell’individuazione della migliore app per supportare questi processi comunicativi di nuova generazione (io alla fine ho scelto GoToMeeting, ma su pc, tablet e smartphone ne ho installate altre quattro 🙄 ) resta il come.   Come comunicare, come farsi ascoltare, come riuscire ad essere compresi. Videoconferenze, comunicare ai tempi del digitale è solo questione di strumenti?  Io dico di no. Trovarsi di fronte a un monitor con tante caselle a mò di scacchiera in ciascuna delle quali dimora un potenziale cliente, allievo, collega, capo, amico, consulente…

  • Sarò breve: tutti gli incipit che è meglio dimenticare
    Comunicazione e social

    “Sarò breve”, un incipit che è meglio dimenticare

      Qualche giorno fa mi è capitato di partecipare a un’iniziativa in cui hanno preso la parola molte persone di provenienze diverse. Ascoltare stili e personalità differenti è sempre positivo. I contenuti cambiano e l’ascolto, lo sostengo sempre, è la miglior palestra di sempre per migliorare la nostra capacità di comunicare, con la parola e chissà, magari anche con la scrittura. E anche un’occasione per crescere. Perché si cresce nelle differenze, non nelle omogeneità. A un certo punto ho realizzato che nell’approccio iniziale di molti di loro qualcosa mi stava disturbando. L’incipit utilizzato, quel “Sarò breve” che di solito è una promessa non mantenuta.   “Sarò breve”, un incipit che è meglio dimenticare   Citato da più del 60% degli interventi, sembra proprio che per rompere il ghiaccio non si possa fare a meno di utilizzare questo cliché oratorio di cui proprio non c’è bisogno. Mi sono chiesta se sia…

  • 8 segreti per comunicare in politica
    Comunicazione e social

    8 segreti per comunicare in politica

      L’Italia è la culla della democrazia. Mai tante elezioni politiche e/o amministrative sono state realizzate in un solo paese dalla sua nascita, per questo parlare di comunicazione politica è necessario e sempre opportuno. Qui non badiamo solo alla forma, che pure è importante. Ciò che importa davvero è il contenuto del messaggio politico. Da cos’è composto un buon messaggio politico? Lo vedremo in quest post, dove impareremo i miei 8 segreti per comunicare in politica.   8 segreti per comunicare in politica   Proviamo a semplificare la questione della comunicazione politica in 5 semplici punti: riferimenti politico-ideologici una pratica politica conseguente alle parole dette serietà competenza dirittura morale. Non è una classifica, ma un elenco orizzontale. Ognuno di questi punti è necessario e non può essere trascurato da nessuno. Queste cinque caratteristiche contribuiscono a definire gli 8 segreti per comunicare in politica. Sono qui per svelarveli. Siete pronti?  …

  • 10 cose che Muhammad Ali sapeva sulla comunicazione
    Comunicazione e social

    10 cose che Muhammad Ali sapeva sulla comunicazione

    Cassius Clay, meglio conosciuto come Muhammed Ali non è più tra noi. Eppure i fans di tutto il mondo lo ricordano come un grande. Come mai un uomo tanto legato alla storia del pugilato affascina e cattura l'attenzione di molte persone che il pugilato non l'hanno mai seguito, come me? Ecco la mia risposta: Muhammed Ali era un grande comunicatore. Qualcuno che sapeva usare le parole forse anche meglio dei pugni.

  • Blog tour: lo rifarei?
    Comunicazione e social

    Blog Tour: lo rifarei?

    Il Blog Tour di “Tecniche di oratoria. Guida all’arte di parlare in pubblico” si è  fermato. Dopo una beve pausa natalizia, anticipata dalle felici ospitate  presso le amiche Nadia Banaudi, Maria Lucia Ferlisi e Grazia Gironella, il tour è ripreso con l’intervista di Silvia Algerino e il guest post da Marco Freccero. Ringrazio questi amici blogger per la disponibilità che mi hanno dato, accogliendo il mio manuale con affetto e passione, confezionando dei post davvero molto belli che mi  hanno consentito di raggiungere più persone con i miei contenuti. Ve l’ho già detto grazie? Ah sì, ma repetita iuvant Poi però il tour si è fermato. La ragione principale sta nel fatto che non ho più trovato blogger disponibili a ospitarlo, nonostante le premesse. Ma ce ne è un’altra che in qualche modo ha tirato fuori da sotto il tappeto proprio Marco Freccero in questo post di qualche giorno fa,…

  • Blog Tour Tecniche di Oratoria Marco Freccero
    Comunicazione e social,  Storie libri e racconti

    Blog Tour Tecniche di oratoria: guest post da Marco Freccero

    Una nuova tappa per il Blog Tour di Tecniche di oratoria. Guida all’arte di parlare in pubblico. Questa volta sono ospite di Marco Freccero, autore indipendente di numerose pubblicazioni che potete trovare a questo link. In questa tappa del tour affronto un tema che mi sta molto a cuore: l’equilibrio tra pathos e logos, ovvero come mettere ordine tra l’urgenza di trasmettere contenuti e la volontà di farlo al meglio. Volete un assaggio dei contenuti del post? Eccolo: Quando pathos e logos non sono in equilibrio lo percepiamo da subito, sin dalle prime battute. Fateci caso, la prossima volta che ascoltate qualcuno parlare. Se chi sta parlando non “sente” o non ha vissuto o non crede in ciò che sta dicendo lo si percepisce subito. Il corpo non mente. Correte a leggere il resto sul blog di Marco cliccando qui!