Le cose veramente importanti

Le cose veramente importanti

Corriamo.

Appresso a qualcosa o qualcuno, non fa differenza. Siamo abituati a correre, è questo che facciamo, ogni giorno.

Per non farci prendere alla sprovvista alleniamo il fiato e le gambe, zigzagando per le vie delle nostre città piene di gente che nemmeno ci vede tanto siamo veloci.

E noi, non vediamo loro.

Corriamo e non badiamo a niente, persino l’obiettivo talvolta perdiamo di vista perché in velocità, si sa, i contorni si perdono.

A volte i contorni sono importanti.

Poi accade qualcosa, mentre sei impegnata a raggiungere i tuoi mille obiettivi.

Qualcosa di semplice e spaventoso allo stesso tempo, che fa quasi paura, perché ci ricorda che siamo umani.

Allora, solo allora, ci fermiamo.

Guardiamo attoniti la realtà che ci circonda e la nostra, la esaminiamo, come la vedessimo per la prima volta.

D’improvviso le nostre gambe ci fanno male, il fiato è corto e la testa, la testa, piena di cose inutili.

Così ci accorgiamo che abbiamo dimenticato la cosa più importante: noi stesse.

Uno stopo che assume contorni diversi.

Nel frastuono della città indifferente, può arrivare sotto forma di un dolore acuto, fisico o morale.

Il  nostro essere si fa strada tra il rumore e le chiacchere della gente chiedendo attenzione, rivendicando il suo legittimo posto.

Le cose veramente importanti non si mostrano a noi mentre corriamo disperati per raggiungerle.

Grazie a Mattinascente per avermi segnalato nei commenti questo video perfetto per il post! 

Come le emozioni, da cui fuggiamo troppo spesso per non soffrire.

Ma quando ci fermiamo perché non possiamo più proseguire, o perché abbiamo fatto troppo strada senza fermarci, troppo in salita, senza il nostro andare ci sentiamo persi.

Ma se ci guardiamo davvero dentro, godendo del momento, ci accorgiamo di tutto ciò che davvero conta.

Improvvisamente ogni cosa assume il giusto peso e la giusta collocazione e noi le riconosciamo, anche se le avevamo dimenticate.

Le cose veramente importanti si mostrano mentre temiamo di non poterle raggiungere.

La nostra chance è godere di ciò che non notiamo mai e che ci è accanto ogni giorno.

Di ciò che amiamo senza sapere di amarlo così forte.

Uno stop a volte è solo un nuovo punto di partenza.

Il buon fine settimana, care Volpi, questa volta ve lo danno Tiromancino e Tiziano Ferro

 

Commenti

  1. Come ti capisco!!! A volte lo stop può essere veramente violento, però se lo si vive come un nuovo punto di inizio, anche il fisico, a poco a poco, ritrova il suo equilibrio. Sorrido, perché mi è tornata in mente una vecchia canzone di Bruno Lauzi “La bella tartaruga”; se ti capita guarda il simpatico video. Buona settimana.

    1. È vero Giulia! Non bisogna prendere questi momenti di “crisi” come un problema ma, anche se con un pò di sofferenza, un’opportunità. Certo quando ci passi in mezzo…

  2. Quelli sono i momenti in cui qualcosa cambia, in cui siamo davvero in movimento, anche se una parte di noi cerca di dirci che siamo fermi. Per fortuna non sempre ci lasciamo ingannare… 😉

    1. Mi ha fatto molto riflettere questo tuo commento @Grazia. Ho appena tirato i Ching e cosa esce? Il 53 l’arresto. Il senso è il fermarsi. Che può voler dire sapere quando e ora di muoversi e di stare fermo. Il punto è non fibrillare il cuore. Un abbraccio

  3. Quest’anno lo stop non è per me. Troppi obiettivi e poco tempo per raggiungerli. Se non approfitto delle ultime forze di una gioventù quasi del tutto andata finirò per pentirmene.
    Chi può rallentare, perché ha già fatto tanto, è giusto che lo faccia.
    Non si può correre per tutta la vita.

    1. Come ti capisco, sono stata tante volte in questa situazione, ti ho senti motivata, piena di risorse, contro l’idea de ora o mai più. Bisogna avere energie e congiunzioni astrali. Ogni tanto ricordati di rallentare. Buona domenica e buona esplosione di creatività

  4. Mi sa che la consapevolezza dei 50 è una gran cosa che stiamo vivendo e sperimentando insieme.
    Avrei tanto gradito ottenerla 10 anni prima – quanti errori mi sarei evitata – ma va bene anche così.

    1. Ogni stagione ha la sua messe. Oggi raccogliamo i frutti di grandi delusioni, dolori, sconfitte. Ma anche di tutto ciò che abbiamo lottato per avere
      Si cara Sandra, i 50 sono anni splendidi, non credevo di potermeli vivere così. Abbraccio

  5. Tanto tempo fa ho detto stop e deciso che più importante di tutto erano i miei figli, ora con la coscienza tranquilla di poter dare spazio anche a me ne ho detto un altro di stop. Cara Elena quanto hai ragione, è solo un nuovo punto di partenza e tutto di colpo assume un colore più brillante!

    1. Di fronte ai figli di nulla può essere anteposto. Per tutto il resto ci sono i momenti di pausa che aiutano a capire dove siamo e cosa abbiamo intorno. Invecchiare è una gran cosa quando questo accade. Viva i nuovi punti di partenza!

La tua opinione scrivila qui :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.