Crescita personale,  Speaker's Corner

Quando dire basta

 

Sarà capitato anche a voi di fermare bruscamente la vostra corsa a un certo punto della salita. La pendenza era impervia e lo sapevate da tempo, ma avete continuato a salire.

Volevate farlo, dovevate farlo.

Poi qualcosa vi ha fermato e vi ha urlato nell’orecchio ” Quando è troppo, è troppo!”

E per fortuna! Vi siete accorti che il vaso della vostra sopportazione era oramai colmo e avete deciso di fermarvi.

Potrebbe addirittura essere stato il vostro corpo ad averlo fatto, piantandovi lì una influenza o qualche altra cosa, oppure parole sagge, frasi che vi si sono scolpite nella memoria, giunte a voi da qualcuno cui dire grazie nel momento opportuno.

Frasi che avete saputo ascoltare e che vi hanno convinto che quando è troppo occorre fermarvi. E l’avete fatto, anche se vi è costato caro. Così avete avuto occasione di voltarvi un istante appena in tempo per vedere dove avete esagerato e perchè.

A me è già capitato. Queste sono le frasi che, al momento opportuno, mi hanno aiutata a dire basta e a ricominciare con un’altra marcia.

Quando è ora di dire basta

Quando è ora di dire basta

Quando e cose pesano come un macigno sulla schiena

Tutti noi abbiamo una serie più o meno infinita di cose a fare, è il nostro mondo odierno dal quale spesso non riusciamo a fuggire.

Non tutte queste cose sono per noi davvero importanti (le cose davvero importanti per me sono queste) ma non è detto che non vi teniamo molto lo stesso, per abitudine, consuetudine, emulazione.

Ad altre teniamo un po’ meno, ma, ahimè, succede che dobbiamo farle lo stesso. In questa sfera si colloca spesso il lavoro, ma anche gli impegni familiari, gli appuntamenti con le maestre dei vostri figli e… l’elenco è lungo!

Qual è il primo modo per accorgervi che per voi è troppo?

Semplice, pesano sul vostro collo come una vecchia cervicale incallita!

Vi irrigidiscono in movimenti standardizzati, ripetitivi, non voluti, obbligati. In una parola, vi inchiodano. Ha senso farsi venire la cervicale o quant’altro per cose di questo tipo?

Siete come un criceto nella gabbietta?

Vi siete mai sentiti come un criceto nella sua gabbietta? Alle prese con il suo gioco “preferito”, correre dentro una ruota per non arrivare mai?  A chi non è mai capitata una sensazione del genere? Nessuno!

Quando siamo in situazioni come questa, la nostra capacità di dire basta rallenta in misura inversamente proporzionale alla velocità con cui corriamo nella gabbietta.

Fino a quando non pronunciamo la fatidica frase: quando è troppo è troppo, continuiamo a correre in cerchio senza arrivare mai. Siamo stanchi, sopraffatti, incapaci di porci l’unica domanda che in momenti come questi importa:

Ma come ci sono arrivata io fino qui?

E poi 

Come ne esco?

Se anche rispondere a queste domande vi pare complicato, sappiate che il solo fatto di averle poste vi fa guadagnare spazio dentro di voi!

Prendete fiato e pensate a ciò che state facendo: se sta diventando un macigno che trascinate senza più pensarci, allora è troppo e bisogna lasciare andare qualcosa.

Altrimenti, care Volpi, la vita vi cuocerà a puntino.

Non siete mica Superman! 

Non sarete mica tra coloro che si sono convinti di somigliare a Superman? Mi viene facile dire che non potete appartenere alla schiera dei supereroi, perché non esistono, ma mi rendo conto che a volte siamo così presi dalla nostra quotidiana corsa che diamo per scontato di avere risorse inesauribili, semplicemente perché nessuno ci ha mai presentato il conto!

Sapete che esiste una vera e propria “Sindrome di Superman“? Vi segnalo questo articolo che spiega in modo semplice e immediato di cosa si tratta.

In poche parole di solito la persona affetta ritiene di essere superiore alla media degli esseri umani, di poter fare tutto da sé e di essere infallibile.

Una sindrome che nasconde molti altri problemi e che nell’immediato porta il soggetto  a pensare di avere energie inesauribili.

Risultato? La bollitura è dietro l’angolo. Non provate per credere, fidatevi e dimenticate i fumetti. Quelli lasciateli a chi non deve guadagnarsi da vivere.

Attenzione agli elenchi di cose da fare

Chi non li ha utilizzati per ricordarsi le cose da fare? Gli elenchi sono il migliore amico che abbiamo quando siamo oberati di impegni e temiamo di dimenticarne qualcuno.

Anche questo può darsi che vi risuoni, io ne ho usati a bizzeffe. Fino a quando non gìho detto basta.

Quando le cose da fare diventano tutte prioritarie, allora non ce n’é nessuna che lo sia davvero

Questo ci porta a dire che gli elenchi sono funzionali soltanto a creare nella nostra giornata un’infinita sequenza di cose da fare e di attività da spuntare. Che alla fine spuntano noi.

Quando è troppo, allora eliminare qualche punto aiuta a temere a mente soltanto le cose veramente importanti. Le altre, nella maggior parte dei casi, possono essere rinviate all’indomani. 

Non sapete da dove cominciare? Facile!

Fate un elenco delle cose che in questo periodo vi affannano e che magari sono responsabili della scarsa qualità del vostro riposo. Procuratevi un foglio abbastanza grande, è molto probabile che l’elenco sia lungo. Ora ora osservatele bene. Probabilmente molte di loro sono responsabili del vostro essere più nervosi del solito, irritabili, stanchi e insoddisfatti. Bannatele, insomma tirate una riga sopra con la matita rossa. Non provate una bella sensazione?

Imparate a cancellare ciò che non serve più

Eh lo so che siamo abituati ad aggiungere. Quando è troppo invece, bisogna, togliere, eliminare, cancellare. Guardate il vostro elenco di cose da fare: solo a guardarlo l’ansia vi pare che ritorni.

Ce cosa dovete fare?

Cancellare tutte le attività che non sono assolutamente necessarie. Procuratevi una bella matita blu e procedete. Blu, mi raccomando. I colori sono importanti. Non fate i furbi. Ho visto che ne avete lasciata qualcuna che sapete benissimo che potrebbe non essere fatta ma che vi siete detti che forse, potreste mantenerla e… cancellate pure quella! Immediatamente! Vi tengo d’occhio 😉

 

Quando è troppo è troppo! Concedetevi il piacere di cancellare. Fatelo con leggerezza e godetevi questo momento di puro godimento e libertà.

 

Ora ciò che è troppo dovrebbe essere stato bannato dalla vostra giornata. C’è qualcosa che tuttavia è rimasta, nell’elenco delle cose importanti o nascosta nel vostro cuore.

Pensateci su un momento. Quella è la cosa veramente importante! Dedicatele l’attenzione che merita. Ora avete il tempo per  farlo.

Un’ultima cosa: pronunciate dei noDispensateli gentilmente e amorevolmente, ma con fermezza.

Fatelo come se steste consegnando un dono a voi stessi. 

E ditemi se avete apprezzato questi suggerimenti utili quando tutto è troppo!

 


 – Tre buone ragioni per dire no e proteggere la nostra scrittura

 – 7 buone ragioni per dire di no a un editore


 

E' gentile condividere
0 0 voti
Article Rating
Iscriviti
Notificami per
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

18 Commenti
Recenti
Vecchi Più votati
Opinioni in tempo reale
Vedi tutti i commenti
Giuseppe
Giuseppe
6 anni fa

Prendere una pausa da tutto ogni tanto è sacrosanto. Cerca di riposare: in questo periodo troverai pace e serenità. E poi ritorna più grintosa che mai!

arthur
7 anni fa

Beh, leggendo il tuo elenco… e ci credo che sei stanca. 🙂

davidgrasselli
7 anni fa

Ciao Elena
Ho detto basta ad un matrimonio 🙂 Certo è stata dura, ma l’esperienza mi è servita per uscire da un limbo e capire chi ero… e chi sono.
😀 Adesso ovviamente ne cerco un altro, ma in prospettiva è molto diverso 🙂 parto col piede giusto.

davidgrasselli
Rispondi  Elena
7 anni fa

Prendiamola così 🙂 adesso so cosa cercare, cosa posso accettare e cosa no. scelgo meglio.
Una compagna è un supporto, un sostegno. Non voglio più arrivare all’estremo con una compagna, deve essere una parte di me, della mia vita.
Ad una situazione esterna si può dire anche basta, anzi, dobbiamo dirlo se non ci fa sentire a nostro agio. Ad una famiglia no 🙂

Barbara
7 anni fa

Ero giunta a leggere il punto 6 e mi stavo dicendo: si è dimenticata che bisogna imparare a dire NO.
Ed era il punto 7! 😉
Siamo in un’epoca in cui tutti vogliono tutto subito e meglio se gratis. Ma l’unica risorsa inestimabile al mondo è il nostro tempo, non sappiamo quanto ne abbiamo e non si può comprarne altro. Perciò dobbiamo essere oculati nella gestione del tempo, anche e soprattutto nel lavoro. Bisogna imparare (perchè non è facile!) a dire NO.
Ricordiamoci anche che non si può aiutare chi non vuol essere aiutato, ovvero quelle persone che arrivano da te lamentando di stare male, per questo o quell’altro motivo, ma dopo due, tre, dieci volte che cerchi di dare una mano e vedi che sono solo stessi a remare contro la soluzione, lascia perdere. In realtà, gli va bene così.
Infine, quando tutto è urgente, nulla è più urgente. Che ci sono state giornate in cui tutti chiedevano la mia attenzione con urgenza, magari le stesse persone. E allora niente davvero lo è più.
Anzi, la vera urgenza è sempre e solo la salute. 😉

Barbara
Rispondi  Elena
7 anni fa

No. (ehehehe :P)
Ci sono stati momenti in cui, per entusiasmo su alcuni progetti, ho detto troppi si, certo in quei momenti ci credevo. Poi mi sono ritrovata a fare tutto il lavoro da sola, perchè gli altri avevano sempre scuse (o avevano imparato a dire di no meglio di me). E sono arrivata al limite. Per un informatico è facile: qualsiasi persona sappia cosa fai ha sempre da chiederti qualcosa, dal classico “me lo fai un sito?” (risposta: “Certo, quanto pensavi di spendere?” 😉 ) al “devo comperare un cellulare, cosa mi consigli?” (“non lo so, che dice Google? io giro ancora col vecchio Nokia…” – non è che perchè lavoro con i computer, allora io aggiornata sui prezzi di qualsiasi componente o aggeggio elettronico)
Il fisico mi ha dato lo stop e sono diventata più egoista. Il tempo è mio, prima di tutto.

18
0
Che ne pensi? Dì la tua!x